Passa ai contenuti principali

Cosa sono le ICO?

Ultimamente vedo sempre più persone avvicinarsi al mondo delle cryptocurrency e una delle domande più frequenti che sento è: "Che cosa sono le "ICO"?
Con questo post cercherò di rispondere nella maniera più semplice e comprensiva a questa domanda.
Più avanti farò anche una guida più approfondita.
Prima di tutto:
ICO = Initial Coin Offering (in italiano "offerta moneta iniziale").
L'acronimo ICO deriva da un altro acronimo, ma usato nell'economia tradizionale:
IPO = Initial Public Offering (in italiano "offerta pubblica iniziale").
Un’offerta pubblica iniziale è un'offerta al pubblico dei titoli di una società, che intende quotarsi per la prima volta su un mercato regolamentato. Mentre quando si parla di ICO, parliamo solitamente di start-up o comunque di un team che sta progettando una nuova cryptocurrency o un nuovo servizio associato ad esse, che ha bisogno di raccogliere fondi per lo sviluppo e la realizzazione dell’idea e lo fa chiedendo bitcoin o altre cryptovalute; in questo modo la raccolta risulta essere molto più agevole, perché si aggira tutta la burocrazia, che invece una classica raccolta fondi richiederebbe. Chi contribuirà nell' ICO (si possono investire anche cifre molto basse) riceverà come ricompensa delle quantità proporzionate all' investimento fatto della nuova cryptovaluta che (probabilmente) vedrà la luce grazie a questa raccolta fondi.

ICO.png
Immagine Creative Commons pixabay

Da queste premesse si può facilmente capire che partecipare ad un' ICO è un'opportunità alla portata di tutti, ma che è anche un grandissimo rischio perchè si partecipa ad un progetto che ancora esiste solo sulla carta (o al massimo esiste una piccola parte del progetto) e spesso il team di sviluppo è una squadra di sconosciuti, che potrebbe fallire negli intenti o addirittura truffare i partecipanti!
Infatti i promotori dell’ICO, che come primo passo devono presentarsi e rendere pubblici i loro curriculum, per “convincere” i papabili finanziatori a partecipare alla loro idea, redigono il cosiddetto “whitepaper”, un documento dove c’è scritto vita morte e miracoli del progetto che sta per nascere.
Così se al finanziatore piacciono i componenti del gruppo e piacciono gli argomenti descritti nel whitepaper può aderire al progetto, semplicemente iscrivendosi al sito di riferimento e comprare le “quote”, solitamente tramite bitcoin o ethereum .
L’ICO ovviamente ha una durata limitata, solitamente nell’ordine di alcuni mesi (anche questa caratteristica varia da progetto a progetto), a volte vengono anche dati dei bonus a chi investe prima proprio perché il rischio è maggiore, dato che l’ICO potrebbe anche fare flop e non raggiungere un capitale sufficiente per portare avanti nel miglior modo possibile il progetto.
Le nuove coin verranno rilasciate a fine ICO nei tempi e nei termini prestabiliti; terminata la raccolta, si potranno solo più acquistare tramite gli exchange che le listeranno.
Per trovare le ICO in svolgimento (o quelle in rampa di lancio) e per avere informazioni in merito, consiglio prima di tutto di dare un’occhiata al sito bitcointalk, forum di riferimento per quanto riguarda il mondo delle cryptocurrency, nella sezione annunci.
Invito anche ad usare il suddetto forum, perchè si possono scambiare idee e opinioni sia con persone alle prime armi, ma soprattutto con persone esperte del settore.

Post popolari in questo blog

Nuovo convertitore di criptovalute

Ecco a voi CRYPTOCURRENCY CONVERTER, il nuovo convertitore di valute, o meglio di criptovalute. Utilissimo e semplicissimo da usare.

Basta scegliere una qualsiasi criptovaluta (ci sono proprio tutte, dal Bitcoin all'ultima Altcoin uscita), inserire la quantità desiderata da convertire e "magicamente" il sito restituirà il prezzo (ovviamente in tempo reale) in bitcoin, dollari, euro, rubli e yuan contemporaneamente.

Nell' immagine seguente la schermata iniziale del tool:


Poi su "Seleziona Valuta" si sceglie la moneta virtuale da convertire:


Per esempio abbiamo scelto i Monero, inseriamo la quantità, schiacciamo il tasto "Converti" e avremo il suo valore in tempo reale in Bitcoin, dollari, euro, rubli e yuan:


http://www.cryptocurrency-converter.com/it/

Il Fork non fa paura

Nonostante i problemi che sta attraversando, il prezzo del bitcoin regge, anzi, anche se a piccoli passi, continua a crescere inesorabilmente.
Le transazioni, se non accompagnate da generose fee, rimangono molto lente e le voci di un possibile "fork" si fanno sempre più forti.
La lotta intestina tra gli sviluppatori del bitcoin è sempre più aspra.



Chi vuole il "fork" per aumentare la dimensione dei blocchi e quindi rendere le transazioni più veloci e chi invece vuole solo fare delle piccole modifiche al codice senza stravolgerlo. Anche l'intera comunità di utilizzatori e appassionati è divisa.
Malgrado ciò il prezzo si aggira sui  1105 euro per bitcoin!

Steemit: il social network che ti paga (in criptovaluta) per postare! Breve tutorial

Tutti pazzi per i social network. Da Facebook a Twitter, da Instagram a Google Plus, da Youtube a Linkedin e chi più ne ha più ne metta.

Ma da un anno a questo parte è nato un nuovo social network dove puoi postare, commentare, seguire, ecc...  Il suo nome è Steemit! Quindi cos'ha di diverso questo Steemit rispetto ad un Facebook per esempio? La prima cosa che bisogna sapere è che è una piattaforma decentralizzata, nessuno è al comando di Steemit, ma sono gli utenti stessi a gestirla. La seconda diversità è che si viene pagati per interagire in questo social network. La ricompensa viene elargita in Steem, una criptovaluta che attualmente vale ben 1,24 dollari o se preferite il valore in bitcoin 0.00054228.
Per controllare in tempo reale il valore degli Steem consiglio questa pagina

Ora vi stare chiedendo: ma come si fa a guadagnare?
Per prima cosa ovviamente bisogna iscriversi al portale https://steemit.com/ a cui bisogna associare una mail valida e un numero di cellulare valido, …